barbaglio

M 516 il tintinnìo di quei raggi senza barbaglio abbacinò le piĆ¹ cospicue orecchie dell’intelligenza latina; IVKa 281 e sinistri barbagli fra tortiglioni neri di fumo; IVK 702 come un pitone nero su di se stesso, uscito dal profondo e dal sottoterra tra sinistri barbagli; SGa 134 dove la primavera gettava barbagli di luce; Ccp/n 472 e dicesi per barbaglio o rimando mobile; A 530 eran loro che s’estasiavano dei trilli, dei barbagli, delle volate; –•– AG 634 il tintinnìo di quei raggi senza barbaglio; 837 disadorna carenza di quegli invidiati barbagli di che i diamanti […] sono press’a poco la fontana; CdU 184 però l’Alpe di Luni mandò barbagli bianchi, risfolgorando come nell’«Alcione»; MdF 12 Per diademi e collane fascinanti barbagli; 13 se miravano male, in quella specie di tiro al piccione, davano aureole e barbagli al pompiere [gli elettricisti]; 51 [RD 1006] avevano inframmesso nel mio penoso assortimento di parallelogrammi i barbagli dello strabismo; MdS 911 forse da lontani barbagli apocalittici; QP 25 [QPL 291] a quella zuccheriera d’argento sopravvanzata ai vecchi barbagli umbertini; RaI 1099 il mòccolo agonizzava con barbagli gialli in un laghetto di cera disciolta; SD 957 fuor d’ogni cascatella un barbaglio, nel sole; 1221 il novo barbaglio dell’inatteso.

«splendore vivo e intenso» (GDLI) e anche sinon. di «bagliore». È v. letter. a partire da Ariosto; il sintagma di CdU 184: barbaglio bianco, ci porta sulle tracce di Pascoli, PP, L’alloro, 9: «Fuori | era per tutto un gran barbaglio bianco», D’Annunzio, ME, La canzone di Umberto Cagni, 51: «il maglio | invisibile che schiacciava i blocchi | enormi, con un tuono ed un barbaglio | di prodigio pel bianco Ade» e Forse che sì…, 1, [2], 368: «Si sporsero, in un barbaglio bianco», anche se il testo a cui si riferisce Gadda è l’Alpe sublime di AL. Ma cfr. anche Pascoli, PC, L’ultimo viaggio, 240: «si fendeva il mare | con lungo scroscio e subiti barbagli»; Il cieco di Chio, 70 e Il sogno d’Odisseo, 14 e tra le numerose occ. in D’Annunzio, Forse che sì…, 1, [2], 20: «teneva fissi al cielo fiammeggiante due occhi immuni dal barbaglio»; 3, [2], 6: «Ancora col barbaglio dell’aria aperta». È anche parola chiave montaliana: OC, Non rifugiarti nell’ombra, 11: «Ci muoviamo in un pulviscolo | madreperlaceo che vibra, | in un barbaglio che invischia gli occhi e un poco ci sfibra»; La speranza di pure rivederti, 7: «o dal passato | è in esso, ma distorto e fatto labile, | un tuo barbaglio».

Published by The Edinburgh Journal of Gadda Studies (EJGS)

ISSN 1476-9859

© 2003-2020 by Paola Italia & EJGS. First published in Glossario di Carlo Emilio Gadda «milanese». Da «La meccanica» a «L’Adalgisa» (Alessandria: Edizioni dell’Orso, 1998). Artwork © 2003-2020 by G. & F. Pedriali.

All EJGS hyperlinks are the responsibility of the Chair of the Board of Editors.

EJGS may not be printed, forwarded, or otherwise distributed for any reasons other than personal use. EJGS is a member of CELJ, The Council of Editors of Learned Journals.

Dynamically-generated word count for this file is 526 words, the equivalent of 2 pages in print.