zirlo

Rdt 418 Uno zirlo, tutt’al piĆ¹, modulato a strofe ed antìstrofe; 419 Nella sala, invece, quello zirlo non ha intimidito nessuno, da tanto ci sono abituati; –•– CdU 257 ed emisero di tanto in tanto dei sibili o una specie di zirlo.

«verso acuto caratteristico del tordo», è v. esclusivamente pascoliana, cfr. CC, L’uccellino del freddo, 3: «Viene il freddo. Giri per dirlo | tu, scricciolo, intorno le siepi; | e sentire fai nel tuo zirlo | lo strido di gelo che crepi»; PI, Tolstoi, 263: «E vi s’udìa lo zirlo | dei tordi»; PV, Patuit dea, 24: «e in quella | nelle tremule ombrella | tutto fu zirlo, frescheggio, ronzìo». Per l’uso della corrispettiva forma vb. cfr. Nava 1991: 270. Vd. anche s. v. «zirlìo».

Published by The Edinburgh Journal of Gadda Studies (EJGS)

ISSN 1476-9859

© 2003-2023 by Paola Italia & EJGS. First published in Glossario di Carlo Emilio Gadda «milanese». Da «La meccanica» a «L’Adalgisa» (Alessandria: Edizioni dell’Orso, 1998). Artwork © 2003-2023 by G. & F. Pedriali.

All EJGS hyperlinks are the responsibility of the Chair of the Board of Editors.

EJGS may not be printed, forwarded, or otherwise distributed for any reasons other than personal use. EJGS is a member of CELJ, The Council of Editors of Learned Journals.

Dynamically-generated word count for this file is 224 words, the equivalent of 1 page in print.