ossedere

G 304 La idea soprana e ossedente che i truci figuri del crepuscolo; Psm 488 da quel bernoccolo romanzatore che ci ossiede; –•– CdD 488 un paradosso o meglio un rito ossedente; CdU 168 L’immagine di un gobbetto occhialuto mi ossedeva; 172 A Celle […] mi giungevano i soccorsi […] se pure nello sgomento ossedente dell’incertezza; Conf. 127 Non ti devono ossédere le mie imagini, né le didascalie apertamente sfottitorie (quelle sì) che le accompagnano; EP 253 L’ossedente imagine del chiasso, della folla in berci […] l’ossedente sogno del numero e della violenza; MdF 85 Il dubbio atroce che l’anima fosse daddovero tutt’uno con il sistema nervoso, filtratogli sottilmente nell’ossa, cominciò ad ossederlo; 97 Ma l’idea dell’automobile fantasma ossedeva già tutti; 99 Sgomberato il cervello «dalle idee lugubri che lo ossedevano»; PdO 987 il viso durissimo di Ingravallo si accosta e dilata a primo piano, ossedente imagine del giustiziere; QP 31 [QPL 297] un complesso di immagini e di figurazioni ossedenti; 157 [QPL 458] ossedente presenza con bande rosse, con bandoliera di vacchetta bianca a tracolla; 237 e il dubbio e anzi l’ossedente certezza di poter essere ascoltati e naturalmente scorbacchiati da terzi; 262 L’idea che fosse residuata al drappo (de’ sedili) qualche deiezione organica delle più popolarmente note ossedeva ora ogni utente; QPL 436 mito ossedente, li regazzini, al Balducci, puntuti di canne di pellirosse; RaI 1039 l’ossedente visione; RI 436 Il dubbio nuovo che l’anima fosse realmente tutt’uno con il sistema nervoso cominciava ad ossederlo; 508 Uno strano disagio, come quello che prende e che ossiede gli uomini superstiziosi; 510 Ma il fattore economico […] ossedeva Carletto; SD 674 Ma l’immagine ossedente della donna, apparsa dapprima come motivo animatore della diffusa voluttà primaverile; 700 straziar queste [cose] verso l’ossedente significazione della propria idea; 726 dalle immagini che l’autore ha di sé stesso, per intervalli, ossedenti; 1054 l’evento è reale, ma raggiunge una intensità significativa che lo esalta al valore pressoché ossedente del simbolo.

«opprimere, ossessionare», cfr. GDLI 2 con il solo es. gaddiano da MdF 85; dal lat. obsidere che vale: «assediare», riportato dai soli TB con croce e Petr. inf. (Tramater ha invece «ossediare»). Manzoni così annota il t. in Postille: «Appiccate una codetta a quell’o prima di ossedio e di ossediare e la lingua avrà una parola in meno; e quel che è più bello è che non ne sarà più povera: dunque questa aggiunta non l’aveva fatta ricca». È invece prediletto da Gadda in partic. come part. pres. con valore agg. in sintagma con «idea», «immagine», «figura». La prosa gaddiana contempla anche l’ancor più raro «ossedimenti»: «Corrado Alvaro non vorrebbe ricordati, nel settantenne D’Annunzio, gli ossedimenti della femminilità» (SD 826).

Published by The Edinburgh Journal of Gadda Studies (EJGS)

ISSN 1476-9859

© 2003-2022 by Paola Italia & EJGS. First published in Glossario di Carlo Emilio Gadda «milanese». Da «La meccanica» a «L’Adalgisa» (Alessandria: Edizioni dell’Orso, 1998). Artwork © 2003-2022 by G. & F. Pedriali.

All EJGS hyperlinks are the responsibility of the Chair of the Board of Editors.

EJGS may not be printed, forwarded, or otherwise distributed for any reasons other than personal use. EJGS is a member of CELJ, The Council of Editors of Learned Journals.

Dynamically-generated word count for this file is 581 words, the equivalent of 2 pages in print.